Carnevale di scienza

Utili, divertenti e democratici, i Carnevali scientifici online costituiscono un buon esercizio e facilitano la discussione tra i diversi partecipanti. Tanto che negli ultimi mesi la rete dei blogger italiani di scienza, che comprende anche molti insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado, ne sta organizzando uno dopo l’altro. I Carnevali sono discussioni a tema, che coinvolgono più blogger e che vengono coordinate e pubblicate dagli stessi blogger a rotazione. Una volta al mese, un blogger ospita sul proprio blog il Carnevale e gli altri partecipano, tutto su base volontaria, segnalando un post sul tema proposto, che varia di mese in mese pur rimanendo all’interno di una certa disciplina. Per partecipare attivamente serve solo un blog. Però i Carnevali sono molto interessanti anche per chi non blogga, perché comunque offrono molti spunti e informazioni raccolte, ordinate e collegate su un certo tema. Funzionano, sostanzialmente, come una serie di recensioni, con la differenza che ci sono tutti i link e i rimandi alle fonti originali. Ecco alcuni di quelli in corso in queste settimane.

blog

 

Carnevale della Chimica

Il Carnevale della Chimica gira ormai da un anno ed è stato ospitato su molti blog. La prossima deadline è il 21 dicembre, il blog che lo ospita è Scienceforpassion, il tema è “La chimica nel freddo dell’inverno e nel calore del Natale” e sarà online il 23 dicembre. Le edizioni precedenti sono riassunte sul sito del Carnevale e hanno toccato diversi temi: dal concetto di sostanza a la chimica per la casa, dall’acqua come soluzione chimica a chimica ed elettricità e molti altri. Avviato a gennaio 2011 per seguire fin dall’inizio l’Anno internazionale della chimica, il Carnevale della chimica ha coinvolto più di un centinaio di partecipanti attivi tra blogger e siti di scienza.

 

Carnevale della fisica e della matematica

Decisamente più vecchi, sempre in termini di presenza sulla rete, sono il Carnevale della Fisica e il Carnevale della matematica. Il primo è giunto ormai alla XXV edizione e riunisce addirittura un network internazionale di bloggers. A fine ottobre è stato ospitato dal blog Il piccolo Friedrich sul tema della sperimentazione. A novembre toccherà allo spagnolo Gravedad cero sul tema della fisica in cucina. Ancora più storico, il Carnevale della matematica ha ormai superato abbondantemente in tre anni. La XLIII edizione è stata ospitata dal blog Pitagora e dintorni, il tema era la provenienza della matematica. A metà dicembre sarà il turno di Popinga con la storia e le storie della matematica.

 

E molti altri ancora…

A ottobre 2011 è nato anche il Carnevale dei libri di scienza, dietro proposta della casa editrice Scienza Express. Il prossimo blog a ospitarlo sarà il blog collettivo Gravità zero e il tema è “10 libri da regalare a Natale”.

Per chi vuole partecipare, dunque, basta tenere d’occhio le date utili per segnalare i vostri post sui temi proposti. Per tutti gli altri, buona lettura!

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [3]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. stefano

    Vi è sfuggita la 45° edizione del Carnevale della matematica, ospitata il 14 gennaio scorso dal blog Matem@ticaMente. Una edizione enciclopedica e spettacolare, con 32 partecipanti e 84 contributi, che potete visitare alla pagina: http://www.lanostra-matematica.org/2012/01/carnevale-della-matematica-45.html

    Rispondi

    • Elisabetta Tola

      Non ci è sfuggita! Non abbiamo segnalato tutti i carnevali, abbiamo preso spunto solo dall’edizione di novembre, per poi lasciare agli insegnanti incuriositi l’opportunità di continuare a seguire gli altri carnevali. Qui non avremmo modo di segnalare tutte le edizioni, per ovvi motivi di spazio. Ma grazie per questo commento che ci dà una opportunità in più di tornare sul tema. L’esperienza dei carnevali, comunque, procede in vari campi, e quindi immaginiamo che i docenti delle varie discipline possano seguire quelli più vicini ai propri interessi e magari anche, se sono insegnanti e blogger al tempo stesso, ospitarne nuove edizioni!

      Rispondi