Recensione libro: Il meraviglioso mondo dei numeri

Nel suo ultimo libro, il vincitore del premio Galileo per la divulgazione scientifica 2012 si racconta come farebbe un amico che è stato in vacanza nelle più disparate parti del mondo per vivere e comprendere gli aspetti più belli e reconditi della sua passione, ovvero la matematica.

Il meraviglioso mondo dei numeri è infatti un viaggio nel tempo e nello spazio. Bellos racconta con particolari esilaranti e personali il suo incontro con ricercatori come Pierre Pica, che studia la capacità matematica della tribù munduruku in Amazzonia, isolata dalle influenze delle cultura occidentale e per questo molto simile a quella logaritmica che hanno i bambini di cinque anni. Oppure ci spiega l’incontro con persone che hanno fatto della matematica la loro vita.

Una vita per la matematica
Non parliamo solo di guru indiani che vivono la loro esistenza per celebrare l’importanza del numero zero, o di Jerome Carter, numerologo che studia il futuro basandosi sui numeri associati al nome delle persone (cercando di convincere l’autore a farsi chiamare Alexander e non Alex). Bellos infatti incontra anche appassionati di origami, come Erik Demaine: grazie ai suoi studi geometrici sono stati creati nuovi pannelli solari, air bag e protesi vascolari.

Il passato
Perfino Pitagora viene raccontato sotto una nuova veste: la Fratellanza Pitagorica comprendeva un gruppo elitario che doveva sottostare a diverse regole, persino alimentari, e che ha ispirato la nascita della massoneria. La loro venerazione per i numeri li portava a credere che fossero l’essenza stessa della natura. Bellos racconta come il nostro modo di contare derivi dall’utilizzo delle dita, e sia quindi a base decimale, ma ci spiega perché in ambito commerciale una base dodici sarebbe più utile. Non manca di narrare il suo incontro con matematici ‟ribelli”, che ancora oggi propongono metodi di numerazione diversi dal classico metrico decimale.

Matematica senza tempo
Leggendo questo libro possiamo trovare risposte a curiosità o argomenti che ci toccano da vicino. Come è nato il Sudoku e perché ha riscosso tanto successo? Quali sono le basi scientifiche del rapporto aureo, che di recente ha ispirato una serie televisiva di successo (Touch)? Quali sono le conoscenze di probabilità e statistica da tenere presente prima di varcare le porte di un casinò quest’estate? Leggendo questo libro troverete anche risposte su come seminare in modo più proficuo il vostro orto, seguendo un rapporto matematico che le piante utilizzano da milioni di anni. Perché come dice Bellos: «A differenza delle discipline umanistiche, che sono reinventate di continuo, mano a mano che idee o mode nuove si sostituiscono alle vecchie, e a differenza delle scienze applicate, dove le teorie sono continuamente perfezionate, la matematica non invecchia.»
 

Alex Bellos, laureato in matematica e filosofia, giornalista del Guardian. (Immagine: dgtvonline.com)

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>