Insegnanti a lezione di imprenditorialità

Far sperimentare in prima persona gli strumenti utilizzati nei processi di open innovation e le tecniche per coordinare attività didattiche per educare all’imprenditorialità. Favorire tra i ragazzi la maturazione di competenze trasversali, senza dimenticare l’importanza della trasparenza e del confronto, valori essenziali del lavoro in team.
Sono questi i principali obiettivi delle Scuole estive di educazione all’imprenditorialità, organizzate della Fondazione Golinelli nell’ambito del quadro europeo EntreComp.

La Fondazione Golinelli è un’istituzione senza scopo di lucro che da 30 anni si occupa in modo integrato di educazione, formazione e cultura per favorire la crescita intellettuale ed etica dei giovani e della società e con l’obiettivo di contribuire allo sviluppo sostenibile del nostro Paese.
Tra le sue diverse aree progettuali, Educare a educare si dedica all’aggiornamento e alla formazione permanente degli insegnanti di ogni ordine e grado.

Il corso, rivolto a 30 insegnanti di scuola secondaria di secondo grado (ma aperto anche agli insegnanti della scuola secondaria di primo grado), si svolgerà tra il 22 agosto e il 29 settembre a Bologna, Firenze e Padova.
Si parte con 9 ore di lezione online dedicate all’inquadramento dell’imprenditorialità nell’ambito della didattica per competenze, che saranno seguite da due giorni di lezioni frontali, ciascuna della durata di 7 ore, a cura dei formatori di Fondazione Golinelli (aree progettuali Giardino delle Imprese e Educare a educare) e Tommaso Grotto, Amministratore Unico di Kopjra Srl e Amministratore di Quadrante, associazione no profit che promuove la cultura imprenditoriale in Emilia-Romagna.
Questi gli argomenti sul tavolo nella prima giornata:

– individuazione delle sfide su cui sperimentare gli strumenti del corso e composizione gruppi di lavoro;

– idea generation: dall’analisi delle sfide alle opportunità (tecniche di brainstorming, il design thinking, interviste e ricerca empirica, prototipazione rapida e raccolta feedback);

– analisi delle idee e lean model canvas.

La seconda giornata verrà dedicata a:

– interazione del processo di ideazione;

– sostenibilità economica (analisi di corsi e risorse necessarie, fonti di finanziamento);

– into action: pianificazione e roadmap;

– buone pratiche di start up collegate ai casi/progetti sviluppati dai corsisti;

– tecniche e obiettivi di presentazione progetti imprenditoriali.

Ma il progetto non finisce qui, perché entro le due settimane successive alla due giorni di incontri, ogni gruppo di lavoro dovrà presentare l’idea imprenditoriale progettata durante il corso e una progettazione didattica individuale, che verranno discusse insieme ai formatori del corso.
Il corso ha un costo complessivo di 50 euro e l’attestato di partecipazione è corrispondente a un’unità formativa.

Iscriversi alle Scuole estive di imprenditorialità è semplice e veloce: basta fare clic qui, per partecipare al corso che si terrà a Bologna, fare clic qui per partecipare a Firenze e qui per iscriversi a Padova.

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *