Edizione 2018 dei corsi di formazione al CERN

Anche per il 2018, il CERN di Ginevra apre le proprie porte agli insegnanti italiani con i corsi di formazione riconosciuti dal MIUR: sono gli Italian Teacher Programmes (ITP), pensati per favorire l’aggiornamento degli insegnanti e promuovere l’insegnamento della fisica contemporanea nelle scuole secondarie.

i docenti che parteciperanno all’iniziativa potranno visitare i laboratori dove si sono condotti gli esperimenti cruciali per la scoperta del bosone di Higgs e saranno ospiti della «nostra» Fabiola Gianotti, la scienziata italiana che dirige il centro di ricerca più grande al mondo.

I corsi ITP si svolgono su una settimana e hanno i seguenti obiettivi:

  • favorire l’aggiornamento degli insegnanti per promuovere l’insegnamento della fisica contemporanea nelle scuole superiori;
  • incrementare lo scambio di conoscenze ed esperienze tra docenti e ricercatori.

I corsi, interamente in italiano, prevedono una serie di lezioni tenute da ricercatori del CERN e complementate da visite a installazioni sperimentali dei laboratori. Gli insegnanti partecipano a semplici esperimenti di fisica che potranno riprodurre nelle scuole di provenienza.
Esistono due livelli di corso con diversi requisiti per iscriversi:

  • DISCOVERY (primo livello): aperto a insegnanti che non abbiano già partecipato ad edizioni precedenti;
  • ACADEMY (secondo livello): aperto soltanto a insegnanti che hanno partecipato al primo livello.

Ai partecipanti selezionati il CERN rilascia:

  • 1 certificato ufficiale di avvenuta selezione che viene inviato alla DS e al docente selezionato
  • 1 attestato di partecipazione per un totale di 40 ore di formazione che viene consegnato al partecipante alla fine del corso

questa pagina si possono trovare le informazioni sul programma e il link per inviare il formulario della propria candidatura entro il 4 giugno. È inoltre possibile rimanere aggiornati sull’iniziativa tramite la pagina facebook “Il CERN per gli insegnanti italiani“.

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *