Premio Abel a Karen Uhlenbeck: è la prima volta per una donna

Per la prima volta l’Accademia norvegese delle Science e delle Lettere ha conferito il premio Abel, considerato una sorta di Nobel per la matematica, a una donna. Si tratta di Karen Keskulla Uhlenbeck, incardinata all’Università del Texas a Austin (Stati Uniti), per «i suoi contributi pionieristici nel calcolo delle variazioni, nelle teorie dei gauge e nei sistemi integrabili, e per l’impatto fondamentale del suo lavoro sull’analisi, la geometria e la fisica matematica». L’annuncio è stato dato il 19 marzo 2019 e il re di Norvegia Harald V consegnerà il premio durante la cerimonia del 21 maggio prossimo a Oslo.

 

Un contributo fondamentale per le teorie fisiche contemporanee

Le sue teorie hanno condotto ad alcune dei più importanti avanzamenti della matematica negli ultimi 40 anni. Il membro del comitato di assegnazione del premio Abel Hans Munthe-Kaas, ha dichiratao che le sue ricerche «hanno rivoluzionato la nostra comprensione delle superfici minime, come quelle che formate dalla bolle di sapone». Ma soprattutto si sono rivelate di fondamentale importanza per le teorie di gauge, che giocano un ruolo in diversi campi della fisica contemporanea, dalla relatività generale alla teoria della stringhe.

 

L’impegno a sostegno delle altre donne

Uhlenbeck non è solo una matematica, sottolinea il comunicato ufficiale dell’annuncio, ma anche un modello e una forte sostenitrice dell’uguaglianza di genere nella scienza. Fin da bambina sognava di diventare una scienziata e da adulta si è spesa per facilitare il percorso di molti giovani ricercatori, grazie al Park City Mathematics Institute (PCMI) presso l’Institute for Ad Advanced Studies di Princeton, con lo scopo di fornire formazione a giovani scienziati nei diversi campi della matematica. Ed è anche stata cofondatrice del programma Women and Mathematics, sempre a Princeton, nato per reclutare e sostenere le donne nella ricerca matematica a diversi stadi delle loro carriere.

Il premio Abel arriva dopo che aver ricevuto altri due importanti riconoscimenti: nel 2000 la National Medal of Science e nel 2007 il premio Steele, uno dei più prestigiosi assegnato ai matematici.

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *