Creare la vita

La domanda

Avevo pensato di partire dal libro Cosa è la vita? di Ed Regis e parlare dunque del sogno dell’uomo di creare la vita inserendo anche la clonazione delle scimmie avvenuta proprio quest’anno. Come collegamenti avevo pensato in inglese di portare Frankenstein, in scienze umane di trattare della bioetica e in fisica di portare le leggi di Schrödinger, ma essendo un argomento non trattato non so se sia rischioso o meno. Mi mancherebbero poi gli altri collegamenti come italiano, filosofia, storia.

Martina, Liceo delle Scienze Umane

La mia risposta

L’obiettivo di creare in laboratorio una cellula artificiale a partire da materie prime non biologiche e quello di clonare un organismo preesistente sono molto diversi e credo che sia meglio non confonderli. Nel caso della clonazione l’organismo ottenuto è un normale embrione, in tutto simile agli embrioni ottenuti per fecondazione naturale, con gli stessi elementi anatomici e la stessa biochimica. Il programma della vita artificiale, al contrario, punta a ottenere una struttura che potrebbe anche essere completamente diversa dalle cellule a noi conosciute e basarsi su meccanismi differenti, pur essendo capace di replicarsi e avere un metabolismo. Il mio consiglio è di non confondere i due aspetti, concentrandosi su uno solo di essi.

Forse perché non ho letto il libro di Regis, non so a cosa si riferisca Martina con l’espressione “leggi di Schrödinger”, ma immagino che abbiano a che fare con le considerazioni che il grande fisico austriaco espone nel suo classico libro What is Life? (pubblicato in inglese nel 1944). Penso che alcune di quelle considerazioni siano alla portata di Martina e quindi le consiglio di leggere il libro di Schrödinger e di presentarne alcuni spunti.

Penso che la bioetica sia un argomento rilevante anche per l’insegnante di Filosofia, quindi credo che Martina non debba preoccuparsi di cercare altri spunti relativi a questa materia. Per quanto riguarda Italiano, forse potrebbe essere interessante discutere il modo in cui Italo Calvino ha affrontato la prima (e per ora unica) creazione abiotica della vita sulla Terra in alcuni dei racconti di Ti con zero.

Per la lezione

Prosegui la lettura