La bellezza

La domanda

Vorrei fare una tesina sulla bellezza, e parlare del desiderio che l’uomo ha di Bellezza, un desiderio vero e profondo. Però voglio parlare di matematica perché è la mia materia preferita. Avete dei consigli? Io avevo pensato ai frattali ma si parlerebbe solo di una bellezza estetica, mentre la bellezza di cui vorrei parlare io è di altro tipo.

Andrea, Liceo Classico

La mia risposta

Il tema scelto da Andrea è veramente troppo vasto. Forse, se per lui la Matematica è la materia preferita, sarebbe una buona idea restringere il campo alla relazione fra l’aspirazione alla bellezza e la ricerca della verità, in particolare nelle scienze. In questo modo si potrebbe argomentare quanto sia intenso il bisogno umano di bellezza, al punto da farsene una guida nella ricerca del sapere.

La mia lettura preferita su questo tema è Il prisma e il pendolo. I dieci esperimenti più belli nella storia della scienza, di Robert Crease, filosofo e storico della scienza. In questo libro Crease approfondisce in maniera accessibile ma non banale il significato della ricerca della bellezza nella scienza.
Crease ha scritto anche un altro libro utile, The Great Equations: Breakthroughs in Science from Pythagoras to Heisenberg, purtroppo per quanto ne so io mai tradotto in italiano.

Un altro suggerimento che vorrei dare ad Andrea è il libro di Graham Farmelo Equilibrio perfetto. Le grandi equazioni della scienza moderna, che nell’originale aveva come titolo la citazione di un verso di Wallace Stevens, It must be beautiful. Farmelo ha scritto anche una importante biografia di Paul Dirac, un fisico teorico che ha sempre sostenuto l’importanza dei criteri estetici nella ricerca scientifica.

Un tema che vorrei ancora suggerire ad Andrea è quello della simmetria: la simmetria svolge un ruolo importante sul piano estetico, ma anche su quello dell’indagine della natura e delle leggi matematiche. Forse un buon punto di partenza può essere un libro recente di Ian Stewart, L’eleganza della verità.

Per la lezione