La teoria dei giochi

La domanda

Vorrei portare come argomento di tesina la teoria dei giochi e le sue applicazioni. La mia idea è quella di iniziare accennando i problemi posti a Pascal da de Méré, poi passare alla nascita della moderna teoria dei giochi parlando di von Neumann e Morgenstern e infine soffermarmi su John Nash. Per parlare dell’equilibrio di Nash ho pensato di portare alcuni esempi come il gioco del pollo e il dilemma dei prigionieri. Dall’ultimo posso collegare storia per quanto riguarda il corso agli armamenti nucleari delle due superpotenze durante la guerra fredda. il problema è che vorrei portare almeno un’altra materia. Ho letto che la teoria dei giochi ha applicazioni in ambito della biologia, ma l’evoluzione non è argomento di quest’anno. Un altro collegamento potrebbe essere a Machiavelli (Nash riteneva che ci fossero legami tra i consigli che Nicolò Machiavelli nel 1500 scrisse ne Il Principe e la teoria dei giochi), ma anche in questo caso è argomento degli anni precedenti.

Mara, Liceo Scientifico

La mia risposta

Qui è in gioco (è il caso di dirlo…) una questione davvero importante. Da una parte abbiamo un argomento ricco di aspetti e non banale, con riflessi utili in molti campi. Dall’altra abbiamo un vincolo che culturalmente non ha alcun valore: l’anno di corso in cui un certo contenuto è stato affrontato. La scuola è un posto bellissimo (ci lavoro, non lo dico tanto per dire) ma quando l’impostazione scolastica dell’apprendimento porta a queste situazioni viene voglia di abolirla.

L’idea di Mara è una buona idea. La teoria dei giochi è molto interessante e ha ricadute importanti in molti campi. Le applicazioni all’evoluzione sono rilevanti anche perché l’evoluzione è un concetto estremamente rilevante e resta tale anche l’anno di corso successivo. Ci sono applicazioni filosofiche all’etica e al comportamento umano che sono significative anche se il programma di filosofia non le ha toccate. E se Machiavelli smettesse di essere un autore decisivo una volta finito l’anno scolastico, allora la filosofia politica occidentale sarebbe priva di valore.

Ragazzi, quando avete una buona idea, lavorateci sopra. Non gliene importa davvero a nessuno se così facendo ritornate sul programma del quarto o del terzo anno. Che ve lo hanno fatto a fare, quel programma, se poi dovevate dimenticarvene?

Per la lezione

Prosegui la lettura