Sulla comunicazione

La domanda

Sto sviluppando una tesina sulla comunicazione all’interno della società. La mia idea era quella di mostrare come in determinati periodi storici, gli scrittori, gli scienziati e figure culturali sentano l’esigenza di comunicare un messaggio rivoluzionario. Per fare questo pensavo di portare:
Tess dei d’Urbervilles di Hardy in inglese.
Satyricon di Petronio in latino.
Baudelaire e il ruolo della comunicazione della poesia nella società.
Mostrando nei diversi ambiti la necessità di comunicare una società in evoluzione, non più coerente con le tipiche forme poetico-letterarie del tempo.
Poi vorrei trattare la comunicazione al giorno d’oggi, telefono e smartphone in fisica.

Valentina, Liceo Scientifico

La mia risposta

Il problema del progetto di Valentina è che un titolo come La comunicazione nella società può contenere praticamente qualsiasi cosa. Con un titolo del genere, la responsabilità di circoscrivere il tema cade tutta sulla scelta degli esempi, che dovrebbero mostrare esplicitamente una grande coerenza. Ma gli esempi che Valentina propone sono di opere o questioni molto diverse fra loro e non portano alcun chiarimento gli uni sugli altri.

La domanda che Valentina dovrebbe porsi è: Quale idea forte voglio condividere con chi mi ascolta?
Se voglio parlare loro di alcuni romanzi, perché voglio farlo, e cosa voglio raccontare di significativo su di essi come gruppo? Se voglio parlare della necessità o del bisogno di comunicare un contenuto di rottura, quali sono gli esempi letterari e artistici migliori che posso scegliere, quelli in cui il tema che mi sta a cuore è più facile da raccontare? Oppure voglio presentare alcune tecniche di comunicazione, e se è così quali sono gli esempi che conosco meglio, quelli che so spiegare con più chiarezza?

Cosa ne dici, Valentina? Proviamo a ripartire dalle tue risposte a queste domande.

Per la lezione

Prosegui la lettura