Facebook e Twitter a scuola: stop, grazie!

Come spesso accade, quando si discute di tecnologia, il mondo anglosassone ci precede. Dopo un aumento vertiginoso della presenza dei social media in ogni ambito, scuola inclusa, ora si comincia a battere in ritirata. Molte scuole americane, infatti, a seguito di scandali, denunce e richiami, stanno introducendo veri e propri divieti dell’uso di qualsiasi comunicazione elettronica, inclusi i cellulari e le piattaforme Facebook e Twitter, due tra i social media più popolari, tra docenti e studenti. Assai più facile a dirsi che a farsi, naturalmente. Se è vero, infatti, che in molti casi sembra che sia i docenti quanto gli studenti abbiano utilizzato le varie forme di comunicazione diretta in modo inappropriato, andando talvolta ben al di là di quanto sarebbe auspicabile in una relazione basata su un impegno educativo, è altrettanto diffuso l’uso di questi strumenti in modo integrato e utile alla didattica. Il che ha portato a vere e proprie mobilitazioni contro le linee guida restrittive emanate ed approvate da molte scuole.

Di fatto, sono però ormai tante le scuole in diversi stati US, tra cui California, Florida, Georgia, Illinois, Maryland, Michigan, Missouri, New Jersey, Ohio, Pennsylvania, Texas e Virginia ad aver deciso norme precise in materia di comunicazione elettronica. Il distretto scolastico di New York, uno dei più importanti del paese, sta lavorando a un proprio documento che dovrebbe essere pubblicato in primavera. Il dibattito nelle scuole americane è molto infervorato, tanto da essere finito sui media locali e nazionali. Un articolo del New York Times, dal titolo «Rules to stop pupil and teacher from getting too social online» fa il punto sulla situazione nel paese, riportando anche il dato di ben 85 denunce fatte nell’ultimo anno, di uso di linguaggio poco appropriato o di pubblicazione di informazioni troppo personali da parte dei docenti sulle pagine Facebook. Il punto, nella discussione in corso, sembra essere quello di trovare un equilibrio corretto tra utilizzare media e strumenti che facilitano il coinvolgimento e il lavoro in gruppo e quindi supportano la didattica e l’eccesso di familiarità e di confidenza che questi stessi mezzi possono portare nella relazione, soprattutto tra docenti e studenti. Argomento già affrontato anche sui media britannici, che ancora a febbraio 2011 raccontavano delle raccomandazioni dell’associazione dei presidi delle scuole superiori per un uso consapevole dei social media.

Una discussione che si presenterà certamente anche in Italia, prima o poi. E anzi, già arrivano i primi esempi, come la scuola media di Albisola Superiore in Liguria, dove è stata prodotta una circolare interna che vieta l’amicizia su Facebook tra insegnanti e studenti dello stesso istituto. E in rete si leggono vari casi di uso di Facebook, che da noi è il social media più popolare, come luogo dove si consumano vere e proprie aggressioni ai danni di alcuni studenti o docenti. L’assenza di codici di comportamento chiaro e condiviso non aiuta, né aiuta il fatto che spesso gli stessi docenti non conoscono bene il mezzo e finiscono con l’utilizzarlo in modo poco appropriato, mescolando il livello personale con quello professionale senza porre attenzione agli strumenti di tutela della privacy che le stesse piattaforme, come Facebook, mettono a disposizione.

L’articolo del New York Times, «Rules to stop pupil and teacher from getting too social online»

L’articolo del sito della radio BBC1, «Schools need rules for teachers on Facebook, union says»

L’articolo di Wired.it sul caso della scuola media ligure di Albisola Superiore, «Alunni e docenti possono essere amici su Facebook?»

 

 


Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [4]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. http://profgasperi.blogspot.com

    come sempre il mondo anglosassone ci precede..
    basterebbe non importare le mode educative deleterie, fatto dovuto all’infatuazione di certi pedagogisti.
    chi è quotidianamente a scuola, sa che è sempre più difficile mantenere un rapporto equilibrato con gli studenti, che si inserisce nella dinamica adulto/adolescente. fingere di essere virtualmente alla pari complica questa battaglia quotidiana. saluti

    Rispondi

  2. lele

    Quando avevo Facebook, ho sempre evitato di aggiungere professori tra i miei amici perchè sinceramente non avevo voglia di condividere con loro cose personali.
    Penso che sia deleterio nel rapporto studente-insegnante andare oltre la sfera “professionale”, non giova a nessuno, semmai sarebbe meglio instaurare un sereno rapporto di fiducia e confronto.

    Rispondi

  3. Elisabetta Tola

    sono d’accordo solo in parte. non si tratta di importare mode deleterie: viviamo in un momento storico in cui la comunicazione, e quindi l’accesso agli strumenti che la facilitano, è del tutto priva di barriere e confini. strumenti come i social media fanno parte della nostra dieta quotidiana, non ha senso pensare di lasciarli fuori del nostro cortile. il punto però, e su questo condivido invece pienamente il suo commento, è che il rapporto docenti-studenti non è un rapporto tra pari. questi strumenti possono essere molto utili per facilitare e potenziare un’azione di apprendimento collettivo e di costruzione di conoscenza senza doversi trasformare in scuse per rapporti poco corretti in cui si dissolvano i confini tra docente e discente.

    Rispondi

  4. Elisabetta Tola

    ecco appunto: questo commento sottolinea quanto sia necessario ragionare sull’uso che si fa di uno strumento. facebook, come altri social media, consentono anche l’apertura di gruppi di lavoro pubblici o privati, e questo permette di separare la sfera del lavoro di classe dalla propria pagina personale, dove giustamente si può scegliere di relazionarsi solo con amici e conoscenti al di fuori della sfera scolastica e/o professionale. basta scegliere gli strumenti giusti e le giuste impostazioni di privacy, come raccontiamo nel tutorial pubblicato qualche settimana fa su questo sito:
    https://archivioscienze.scuola.zanichelli.it/in-evidenza/2011/12/26/identit-digitale-istruzioni-per-luso/

    Rispondi