Titan, supercomputer

Nonostante gli enormi passi avanti nel campo della computazione quantistica, le applicazioni pratiche sono ancora lontane e, in un mondo dove per la scienza, dalla fisica alla biologia, è ormai imprescindibile l’utilizzo di enormi risorse computazionali, gli ingegneri non possono aspettare: continuano a costruire computer sempre più potenti spingendo la tecnologia «tradizionale» ai suoi limiti. 

Immagine degli spazi del Titan negli Oak Ridge Laboratories (Immagine: Oak Bridge Lab)

L’ultimo arrivato nella ristretta (anche se in aumento) famiglia dei supercomputer è stato battezzato Titan. Creato agli Oak Ridge Laboratories, che dopo il progetto Manhattan sono rimasti un punto di riferimento per scienze applicate, è (dichiarazioni degli stessi creatori), ben dieci volte più potente di Jaguar, il suo predecessore. In effetti Titan si può definire un upgrade di Jaguar, infatti i 200 case che occupano una superficie di 404 metri quadri sono gli stessi, come pure l’impianto di raffreddamento e alimentazione.

Le caratteristiche
Per elencare le caratteristiche che come consumatori ci colpirebbero sfogliando uno dei tanti cataloghi di alta (secondo noi) tecnologia, Titan è dotato in totale di 299.008 processori AMD Opteron, ognuno a 16 core (un tipico personal computer di ultima generazione ne ha 6, come Jaguar), una memoria (RAM) totale di 718 Terabites. Ma anche se Titan non ha ovviamente niente a che vedere con i dispositivi che la maggior parte di noi usa, in realtà il suo punto di forza parte proprio da una tecnologia sviluppata soprattutto pensando ai grafici e ai giocatori: la GPU, cioè il microprocessore montato sulle schede video. Titan infatti utilizza una tecnologia ibrida che alle CPU affianca le GPU: ben 18.688 Nvidia Tesla K20, aggiungendo così centinaia di migliaia di core che, a parità di prestazione, richiedono molta meno energia.

Un punto cruciale
L’energia è appunto un fattore cruciale, poiché un supercomputer è estremamente energivoro, e gli ingegneri sono quindi orgogliosi del fatto che pur avendo decuplicato la potenza rispetto a Jaguar (e nello stesso spazio fisico), il fabbisogno energetico di Titan è appena superiore. Con oltre 20 petaFLOPS alle massime prestazioni, ora Titan è ufficialmente il più potente supercomputer del mondo.

Ma a cosa servirà?
Titan è attualmente utilizzato per simulazioni molecolari nel campo delle nanotecnologie, nello studio del comportamento dei combustibili, e per comprendere il meccanismo di fusione delle membrane cellulari. Esegue inoltre simulazioni climatiche e del trasferimento radiativo, oltre a cercare soluzioni per utilizzare al meglio il combustibile nucleare nelle centrali in funzione.Buon lavoro, Titan.

Titan Timelapse from OLCF on Vimeo.

Per la lezione

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *