Rover marziani: si prepara l’ESA

Opportunity, Curiosity, Sojourner e Spirit: sono i nomi dei quattro rover che attualmente si trovano sulla superficie di Marte. I primi due sono ancora funzionanti, mentre Sojourner (il primo rover marziano in assoluto) e Spirit (il gemello di Opportunity) sono andati in pensione già da qualche anno. Tutti questi veicoli hanno una cosa in comune: sono americani. Tra qualche anno, però, le cose potrebbero cambiare.

Sample Acquisition Field Experiment with a Rover (SAFER) è il progetto targato ESA per testare un rover da portare su Marte in una delle prossime missioni. Dal 7 al 13 ottobre SAFER è entrato nel vivo e Bridget, questo il nomignolo di uno dei prototipi costruiti dalla compagnia inglese Astrium, è stato testato in uno dei luoghi più simili a Marte raggiungibili senza un razzo: il deserto di Atacama, in Cile, nelle vicinanze dell’osservatorio del monte Paranal.

rover_ESA

Bridget fotografata nel deserto di Atacama durante i test (immagine: Astrium – E Allouis via ESA)

Per una settimana scienziati e tecnici di diverse istituzioni, università e aziende hanno testato in particolare tre strumenti: CLUPI (CLose-UP Imager), una sofisticata fotocamera che è l’equivalente robotico di una lente di ingrandimento, una fotocamera panoramica della serie Pancam e WISDOM (Water Ice and Subsurface Deposit Observation on Mars), un radar per guardare nel sottosuolo marziano alla ricerca d’acqua.

Non potendo andare su Marte, il deserto di Atacama è una scelta quasi obbligata per gli scienziati: aridissimo, topograficamente e otticamente simile al Pianeta Rosso e con osservatorio pronto a ospitare attrezzature e personale, nel 2012 era già stato scelto per testare un altro prototipo, Seeker. Questa volta però i test sono stati un po’ più sofisticati: Bridget non è stato comandato via radio sul posto, ma dalla Satellite Applications Catapult facility ad Harwell, nel Regno Unito. Non proprio da un altro pianeta quindi, ma nemmeno in vista del Cile.

Inoltre, per simulare i dati su cui si basano oggi i veri “autisti marziani” per pilotare i rover, cioè immagini ad alta definizione della superficie riprese dalle sonde, il team di SAFER ha usato un drone per fotografare l’aerea e costruire la mappa del terreno. 

rover_ESA-2

Bridget sugli schermi del centro di controllo (immagine: SCISYS – Mark Wood)

I risultati raccolti dagli scienziati, che hanno tenuto pubblicamente traccia dei progressi in un blog, saranno utilizzati nell’ambito della missione Exomars 2018 dell’ESA e, se tutto va come previsto, un successore di Bridget sarà il primo rover europeo a esplorare le sabbie di Marte.

Per la lezione

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *