Dinosauri non così piumati

Etimologicamente dinosauro significa “lucertola terribile”, ma oggi sappiamo che niente è più lontano dalla realtà. Non perché alcuni di loro non fossero degni dell’aggettivo terribile, ma perché hanno ben poco in comune con le lucertole. In particolare, negli ultimi decenni, i paleontologi hanno scoperto che decine di specie di dinosauri erano dotati di piume e in alcuni casi di vere e proprie penne: grazie ai fossili di questi esemplari, gli scienziati stanno ripercorrendo con sempre maggior precisione il cammino evolutivo che unisce i dinosauri del mesozoico ai “dinosauri” attuali, cioè agli uccelli.

Alcuni autori hanno addirittura ipotizzato che le piume non fossero solo una novità evolutiva emersa all’interno del clade Coelurosauria (cioè una sinapomorfia), ma una condizione condivisa da tutti i dinosauri (cioè una plesiomorfia). Persino generi come lo Psittacosaurus, ben lontani dagli agili dinosauri piumati che conosciamo, mostrano infatti strutture tegumentarie filamentose che in questa interpretazione sarebbero omologhe alle piume, cioè con la stessa origine evolutiva.

dinosauri poco piumati homepage

L’impronta fossilizzata della pelle di un Adrosauro Immagine: Ryan Somma via Flickr

Come stanno le cose? Secondo i paleontologi Paul Barrett (The Natural History Museum, Londra, Regno Unito) e David Evans (University of Toronto a Mississauga, Canada), intervenuti all’ultimo meeting annuale della Society of Vertebrate Palaeontology, questi colleghi hanno volato un po’ troppo con la fantasia. I due scienziati hanno infatti compilato un database della totalità di strutture tegumentarie rinvenute nei dinosauri dimostrando che le cosiddette “scaglie” sono di gran lunga le più rappresentate all’interno del clade: nel gruppo dei giganteschi sauropodi che vediamo nell’immagine di apertura, per esempio, sono state rinvenute esclusivamente scaglie e osteodermi e nient’altro che assomigli, anche vagamente, a una piuma. Per quanto riguarda invece le strutture filamentose come quelle di Psittacosaurus non esiste invece, almeno al momento, alcun elemento che autorizzi a ricondurle alla stessa origine evolutiva delle piume, per le quali quindi possiamo confermare l’evoluzione solamente in Coelurosauria.

Nelle parole che Barrett ha rilasciato a Nature News:

«Potrei arrivare a dire che tutti i dinosauri possedevano una certa caratteristica genetica che rendeva facile per la loro pelle formare filamenti, aculei e persino piume, ma con le scaglie così diffusamente rappresentate nell’albero genealogico, sembra che siano ancora queste a definire la condizione ancestrale.»

Per la lezione

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *