Tutto quello che c’è da sapere sul virus SARS-CoV-2

SPECIALE CORONAVIRUS

A 17 anni dall’epidemia di SARS, un nuovo coronavirus tiene le autorità sanitarie di tutto il mondo con il fiato sospeso: si tratta del coronavirus SARS-CoV-2 (inizialmente indicato con il nome 2019-nCoV), responsabile di una sindrome denominata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) COVID-19 (da CO per corona, VI per virus, D per disease e 19 per l’anno in cui si è manifestata).

Con l’aiuto del virologo Giovanni Maga, direttore dell’Istituto di Genetica Molecolare del CNR di Pavia, cerchiamo di seguire l’evoluzione dell’emergenza coronavirus in Italia e nel resto del mondo rispondendo ad alcune delle domande sull’epidemia di COVID-19.

L’approfondimento è suddiviso in cinque parti, caratterizzate dalle domande a cui proviamo a dare risposte esaustive e approfondite. Gli articoli sono raggiungibili dai link in questo indice:

 

COME HA AVUTO ORIGINE LA PANDEMIA COVID-19?

1. Dove si sono registrati i primi casi di COVID-19?
2. Come si è originato il coronavirus SARS-CoV-2?
3. Quali condizioni possono aver favorito il salto di specie e la diffusione dell’infezione?
4. Quali informazioni sono emerse dall’analisi del genoma del virus SARS-CoV-2?
5. Il virus SARS-CoV-2 sta mutando?

 

QUALI SONO I RISCHI PER LA SALUTE?

1. Quali sintomi causa l’infezione da coronavirus SARS-CoV-2?
2. Come funziona il meccanismo patogenetico di SARS-CoV-2?
3. Perché alcune persone sembrano essere più vulnerabili agli effetti del coronavirus?
4. Quali sono le cause dell’alto tasso di letalità riscontrato in Italia nei primi mesi dell’epidemia?

COME AVVIENE IL CONTAGIO E COME LO SI PUÒ CONTENERE?

1. Come si diffonde il virus e qual è il periodo di incubazione?
2. Che cosa si può fare per limitare il rischio di contagio?
3. Come funzionano le mascherine protettive e quando vanno usate?
4. Quanto sopravvive il virus nell’ambiente?
5. Qual è il ruolo degli asintomatici nella diffusione dell’epidemia?
6. Che cosa si intende per super-diffusione del coronavirus?

 

QUALI TEST PERMETTONO DI DIAGNOSTICARE L’INFEZIONE DA SARS-COV-2?

1. Come si stabilisce se una persona è stata contagiata dal coronavirus SARS-CoV-2?
2. Che cosa sono e come funzionano il test antigenico e il test salivare?
3. Che cosa sono e come funzionano i test sierologici?

 

FARMACI E VACCINI: COME POSSIAMO FRENARE LA PANDEMIA?

1. Con quali farmaci si può curare l’infezione da SARS-CoV-2?
2. Quali sono le caratteristiche molecolari di SARS-CoV-2 che ci possono aiutare nella ricerca di nuovi farmaci?
3. Come funziona la sieroterapia?
4. Quali vaccini anti-coronavirus sono in via di sviluppo?
5. Che cos’è l’immunità di gregge e come funziona?

Qui puoi scorrere una linea del tempo che ripercorre alcune tappe dell’evoluzione della pandemia in Italia, con video e link ai documenti ufficiali:

Link utili per approfondire

Dpcm 11 marzo: http://www.governo.it/it/articolo/coronavirus-conte-firma-il-dpcm-11-marzo-2020/14299

Pagina dell’OMS dedicata a COVID-19: https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019

Pagina dell’OMS con riepilogo casi COVID-19 nel mondo: https://covid19.who.int/

Epicentro: il portale dell’epidemiologia per la sanità pubblica a cura dell’Istituto superiore di sanità: https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/

Protezione civile: http://www.protezionecivile.gov.it/attivita-rischi/rischio-sanitario/emergenze/coronavirus

LeScienze: https://www.lescienze.it/argomento/covid-19/

CDC – Centers for Disease Control and Prevention: https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-nCoV/index.html

NIH – National Institutes of Health: https://www.nih.gov/coronavirus

 

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [25]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. federico barbarossa

    Un articolo interessante che farò leggere e discuterò con i miei studenti del quarto anno dell’indirizzio biotecnologie sanitarie.
    Grazie

    Rispondi

  2. Luciano Pipino

    Molto interessante. Da condividere e commentare con i miei studenti del secondo biennio e quinto anno dell’indirizzo liceoscientifico con indirizzo motorio e sportivo.
    Grazie

    Rispondi

  3. Rosaria Barbagallo

    Articolo molto interessante e di facile comprensione.

    Rispondi

  4. Rosalia

    Molto utile. Grazie

    Rispondi

  5. Elena

    L’articolo è interessante e completo di informazioni. Tuttavia mi sembra piuttosto riduttivo colpevolizzare le consuetudini dei cinesi (mercato di animali vivi, ecc.) come causa principale e scatenante della contaminazione. Credo che sia più corretto considerare l’insieme delle condizioni che concorrono all’insorgenza di un’epidemia.

    Intendo condividere l’articolo con gli studenti del 4° e 5° anno del tecnico agrario

    Rispondi

  6. Grazia Dolente

    Un articolo interessantissimo e abbastanza ricco di utili informazioni.
    Lo condividerò con i miei alunni del triennio del liceo scientifico e classico.
    Grazie

    Rispondi

  7. Nello

    Grazie…molto interessante ed esaustivo.

    Rispondi

  8. Paola Danesi

    …molto molto interessante e di facile lettura.
    Appena riapriranno le scuole lo voglio condividere con tutte le mie tre classi della scuola secondaria di I grado.
    Grazie

    Rispondi

  9. Paola D.

    …molto molto interessante e di facile lettura. Lo posso condividere tranquillamente con le mie tre classi della scuola secondaria di I grado.
    Grazie

    Rispondi

  10. Vincenzo Patti

    Ottima la leggibilità dell’articolo e molto interessante il contenuto.

    Rispondi

  11. Margherita

    Molto interessante

    Rispondi

  12. Giuseppe De Pascale

    Articolo interessantissimo, molto affascinante e molto chiaro sulla situazione attuale…complimenti all’autore a all’intervistato

    Rispondi

  13. Gigliola

    L’articolo è chiaro e fruibile anche per gli studenti più giovani

    Rispondi

  14. Sabina

    Articolo ben fatto, utile, scientificamente corretto e di facile comprensione.

    Rispondi

  15. Michele Dinoia

    Paradossale, se. Bra quasi un film. È una situazione talmente assurda che è difficile da credere.

    Rispondi

  16. CARMELA FRISENDA

    UTILISSIMI, soprattutto per chi insegna le DISCIPLINE SANITARIE
    GRAZIE

    Rispondi

  17. Elio Catalini

    L’articolo è interessante e ben strutturato, l’ho utilizzato per lezioni in videoconferenza con i miei studenti nelle quinte classi del liceo, dove stiamo trattando le biotecnologie. Concretizza e attualizza la disciplina restituendone l’importanza che merita.
    Grazie

    Rispondi

  18. Fiorella Macera

    Grazie al Prof. Maga per l’efficace punto della situazione con la consueta precisione e chiarezza. Utilizzerò l’articolo nella didattica a distanza con i miei allievi per far capire, riflettere e adottare con più consapevolezza i comportamenti più adeguati ad impedire il diffondersi dell’infezione che ci sono richiesti.

    Rispondi

  19. Luca Spinelli

    Buongiorno. Riscontro problemi nello scaricamento della lezione in formato pdf. Una volta terminato il file è vuoto. Solo io riscontro questo problema? Grazie, un saluto
    Luca Spinelli

    Rispondi

    • Elena Bacchilega

      Buongiorno, il problema è stato risolto; se proverà scaricare il pdf dovrebbe aprirsi correttamente.
      Grazie per la segnalazione, utilissima.

      Rispondi

  20. Patrizia

    Chiaro, condividerò l’articolo con gli alunni

    Rispondi

  21. silvia

    Un articolo valido ai fini della DIDATTICA A DISTANZA poiché completo, di facile comprensione ed occasione di discussione collettiva.ottimo lavoro

    Rispondi

  22. Nelida Bonaccorsi

    Sono un’insegnante di scienze e continuo a seguire con interesse i chiari aggiornamenti del prof. Maga (anche la sua conferenza del 4 marzo) e a divulgarli fra i miei studenti.
    Non trovo risposta a domande che mi assillano: come mai tanti giovani sono colpiti in modo pesante dal virus? Ovvero, da cosa dipende questa elevata letalità nelle fasce inferiori di età, poiché sembra quasi che l’età non sia poi così discriminante …
    La risposta all’infezione va ricercata solo in differenze genetiche fondamentali oppure a risposte più o meno ampie di natura infiammatoria? Il polimorfismo del recettore codificato dal cromosoma X ha qualche attinenza con il fatto che il virus possa infettare in modo maggiore talune cellule, a prescindere dall’età del soggetto?

    Ringrazio il professor Maga per l’attenzione.

    Rispondi

    • Lara Rossi Autore articolo

      Gentile Professoressa,
      grazie mille per il suo commento e le domande, alle quali cerco di rispondere con ordine qui di seguito.

      Elevata letalità: in base a quanto osservato fino a questo momento, possiamo dire che non ci sono fasce d’età immuni all’infezione da coronavirus. Tuttavia, se è vero che anche bambini, adolescenti e giovani adulti possono contrarre l’infezione, i dati divulgati dall’ISS mostrano chiaramente che le complicanze più gravi continuano a riscontrarsi nelle fascia d’età dai 70 anni in su e in presenza di altre malattie. Se prendiamo i dati aggiornati al 30 marzo dell’ISS, il tasso di letalità medio nel nostro Paese è del 10,6%; guardando però alle diverse fasce d’età, possiamo vedere differenze significative: da 0 a 59 anni, il tasso di letalità varia da 0 al 2%, nella fascia d’età 50-59 sale al 7,1% e poi si impenna dai 70 anni in su, variando dal 19,8% fino al 28,3%. A questo link può consultare i dati aggiornati al 30 marzo: https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/bollettino/Infografica_30marzo%20ITA.pdf

      Per quanto riguarda la risposta all’infezione, la risposta infiammatoria può contribuire all’aggravamento dei sintomi. La cosiddetta “tempesta di citochine” è una risposta difensiva che però si ritorce contro l’organismo stesso, causando edema polmonare e insufficienza respiratoria. Per far fronte a questi casi, si stanno sperimentando farmaci con azione immunoregolatoria, il cui obiettivo è quello di smorzare la “tempesta di citochine”.

      Ad aggravare i sintomi contribuiscono, probabilmente, anche differenze genetiche, per esempio quella che lei ricordava relativa al polimorfismo del recettore codificato dal cromosoma X. Questi fattori genetici potrebbero in parte spiegare le differenze osservate tra uomini e donne, ma qui siamo ancora nel campo delle ipotesi: non ci sono ancora studi ancora sufficientemente ampi per dare una risposta a questo quesito.

      Rispondi

  23. Stefania Di Paolo

    sono delle risorse di altissimo livello

    Rispondi