I robot ci guardano | Intervista a Nicola Nosengo

La robotica è ancora soltanto la disciplina-simbolo della fantascienza o è già una realtà consolidata, sia nei laboratori che con esempi concretissimi sotto i nostri occhi? Se pensiamo che siano robot solo gli umanoidi, automi in grado di interagire e comportarsi come gli esseri umani, c’è ancora della strada da fare. Se guardiamo alle nostre auto, però, la robotica è molto più vicina a noi e parte della nostra vita quotidiana di quanto non si possa immaginare. Miti da sfatare, storie di ricerca (con molti successi targati Italia, come le piante-robot o le auto senza pilota) e tanti obiettivi ancora da raggiungere.

Questa è la robotica che ci racconta Nicola Nosengo, giornalista e scrittore di scienza e tecnologia, autore della Chiave di Lettura Zanichelli I robot ci guardano – Aerei senza piloti, chirurghi a distanza e automi solidali. Con cui abbiamo chiacchierato per farci raccontare come è nato il libro finalista al Premio Galileo 2014, quali sono i successi della robotica e chi sono i ricercatori che ruotano attorno a questo campo multidisciplinare, affascinante e ormai nell’immaginario di tutti. Non solo di chi ama la fantascienza.

n.d.r.: segnaliamo una rettifica riguardante il robot-pianta di cui parla l’autore nell’intervista: il progetto, chiamato Plantoide, è sviluppato e coordinato esclusivamente dal team di Barbara Mazzolai all’Istituto Italiano di Tecnologia

Prosegui la lettura

Commenti [1]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *