Aula di Scienze

Aula di Scienze

Persone, storie e dati per capire il mondo

Speciali di Scienze
Materie
Biologia
Chimica
Fisica
Matematica
Scienze della Terra
Tecnologia
I blog
Sezioni
Come te lo spiego
Science News
Interviste
Video
Animazioni
Podcast
L'esperto di matematica
L'esperto di fisica
L'esperto di chimica
Chi siamo
Cerca

Buon proseguimento, Voyager 1!

Ora è ufficiale: il Voyager 1 è il primo oggetto costruito dall’uomo a essere entrato nello spazio interstellare e a breve sarà seguito dalla sonda gemella Voyager 2.
leggi
Lanciate nel 1977 le missioni Voyager hanno da tempo terminato la missione primaria di ricognizione del nostro Sistema Solare, ma parte degli strumenti a bordo funziona ancora e riceviamo regolarmente le loro trasmissioni. Nel 2012 il Voyager 1 è entrato nello spazio interstellare eppure solo ora gli scienziati hanno affidato alle pagine della rivista Science questa notizia.
La posizione attuale di Voyager 1. La scala è in Unità Astronomiche (UA), dove 1 UA è la distanza media Terra-Sole, ovvero circa 150 milioni di chilometri (Immagine: NASA)

Sulla “carta” il Sistema Solare è delimitato da una sorta di “bolla”, l’eliosfera, permeata da un plasma composto da particelle cariche provenienti dal Sole: il vento solare. Lo spazio interstellare è invece dominato dai raggi cosmici e da un plasma molto più denso. Oltrepassando l’eliosfera era previsto che il livello di raggi cosmici aumentasse, poiché il plasma cambia costituzione e con esso la direzione del campo magnetico.

Sfortunatamente il rilevatore di plasma di Voyager 1 è guasto, quindi quando la scorsa estate gli scienziati videro un picco nei raggi cosmici accompagnato da un crollo nel livello di particelle di origine solare, non potevano avere la certezza di aver finalmente oltrepassato l’eliopausa, la regione dell’eliosfera più vicina al mezzo interstellare, perché in mancanza di dati più diretti sul plasma si considerava come “pistola fumante” il cambio di direzione del campo magnetico, che non si è verificato.

Se però il sensore di plasma del Voyager 1 non funziona, quello per le oscillazioni del plasma, originariamente dedicato a indagare la magnetosfera di Giove e quella di Saturno, è ancora perfettamente operativo, e il 9 aprile 2013 ha improvvisamente registrato oscillazioni di frequenza crescente che sono scomparse dopo il 22 maggio. Secondo gli scienziati quelle oscillazioni erano il “suono” di un’eruzione solare avvenuta 400 giorni prima, ma soprattutto oscillazioni di quella frequenza indicavano un plasma decine di volte più denso di quello dell’eliosfera, proprio come quello che ci si attende nello spazio interstellare. Unendo i puntini, la conclusione del team Voyager è una sola: il 25 Agosto 2012 la sonda ha definitivamente lasciato il nostro Sistema Solare. E il campo magnetico? Probabilmente  Voyager 1 è ancora abbastanza vicino da risentire ancora di quello Solare. «Nessuno è mai stato prima nello spazio interstellare», ha dichiarato Ed Stone, fisico del California Institute of Technology e tra i principali membri del team Voyager fin dagli albori del programma, «ed è come viaggiare con delle guide incomplete. Ma l’incertezza fa parte dell’esplorazione. Non esploreremmo se sapessimo esattamente che cosa troveremmo».
In questo video della NASA è possibile ascoltare il suono registrato da Voyager 1 al variare della densità del plasma
schema voyager
voyager_large
voyager2

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento