Aula di Scienze

Aula di Scienze

Persone, storie e dati per capire il mondo

Speciali di Scienze
Materie
Biologia
Chimica
Fisica
Matematica
Scienze della Terra
Tecnologia
I blog
Sezioni
Come te lo spiego
Science News
Interviste
Video
Animazioni
Podcast
L'esperto di matematica
L'esperto di fisica
L'esperto di chimica
Chi siamo
Cerca

Il grasso? Lo assorbono i batteri intestinali

La biochimica della digestione dipende anche dai batteri che colonizzano il nostro intestino? Ne parla un nuovo studio sui pesci zebra.
leggi

L'alimentazione è fondamentale per avere energia disponibile per compiere tutte le nostre azioni. Ma oltre ai processi del nostro apparato digerente, sono i batteri che ospitiamo al nostro interno a raffinare e a rendere più efficiente questo meccanismo? Uno studio compiuto da ricercatori americani su pesci zebra indica che un gruppo di batteri (Firmicutes) è fondamentale per il corretto assorbimento degli acidi grassi.


Mangiamo una bella pizza fumante o un piatto di pasta condito nella migliore tradizione della cucina italiana e, oltre a godercene i sapori, pensiamo che stiamo ingerendo carburante per il nostro sostentamento. Semplificando, possiamo dire che il processo digestivo trasforma il cibo in energia, un processo che non sarebbe possibile (o sarebbe per lo meno molto poco efficiente) se nel nostro intestino non ci fossero i microbi.
La flora batterica, o microbiota intestinale, ha un ruolo determinante nella digestione di carboidrati complessi: ci aiuta a rompere le catene molecolari che li compongono, favorendo così l’assorbimento delle sostanze nutrienti. Per la prima volta uno studio condotto dalla School of Medicine dell’Università del North Carolina (USA) comincia a fare chiarezza sul ruolo dei microbi nel processo digestivo.

Quel grasso grosso microbo intestinale
I ricercatori americani hanno dimostrato che la presenza di un particolare gruppo di batteri, i Firmicutes, è determinante nel favorire l’assorbimento degli acidi grassi. Gli esperimenti sono stati condotti su esemplari di pesce zebra (zebrafish, Danio rerio) a cui sono stati somministrati acidi grassi resi fluorescenti (vedi foto qui sotto). Se i pesci venivano tenuti a digiuno per alcuni giorni, la quantità di Firmicutes nel loro intestino diminuiva e questo comportava una ridotta capacità di assorbimento. Al contrario, esemplari con una dieta normale mostravano una capacità di assorbimento maggiore.

Immagine al microscopio che mette in evidenza l’effetto dei microbi sulle cellule epiteliali dell’intestino (in rosso) del pesce zebra: la loro presenza, come si vede a destra, stimola l’assorbimento degli acidi grassi e il loro accumulo in «goccioline» di grasso (in verde). (Immagine: UNC - School of Medicine)

Importante scoperta, ma con cautela
"Le ricerche indicano che i batteri intestinali", ha dichiarato la leader del team di ricerca Ivana Semova, "possono incrementare la capacità dell’ospite di ricavare calorie dal cibo ingerito stimolando le sue capacità di assorbimento". Potrebbe significare che una presenza massiccia di Firmicutes giocherebbe un ruolo nell’obesità umana. Ma sono solo ipotesi che vanno prese con le dovute pinze. Gli esperimenti, infatti, hanno avuto per soggetti dei pesci e non degli esseri umani. Inoltre, si tratta del primo studio e quindi c’è bisogno di qualche conferma in più.
Ciò non toglie, come sottolinea la stessa Semova, che "se riusciamo a capire completamente in che modo specifici batteri sono in grado di stimolare l’assorbimento dei grassi, forse potremo sviluppare nuovi metodi per ridurne l’assorbimento in pazienti obesi o affetti da disturbi metabolici. Al contrario, è possibile immaginare di stimolarne l’assorbimento in contesti di malnutrizione".

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento