Aula di Scienze

Aula di Scienze

Persone, storie e dati per capire il mondo

Speciali di Scienze
Materie
Biologia
Chimica
Fisica
Matematica
Scienze della Terra
Tecnologia
I blog
Sezioni
Come te lo spiego
Science News
Interviste
Video
Animazioni
Podcast
L'esperto di matematica
L'esperto di fisica
L'esperto di chimica
Chi siamo
Cerca

Il matusalemme dei sistemi extrasolari

Un team internazionale di astronomi ha scoperto una stella simile al Sole con 5 pianeti orbitanti, risalente agli albori della Galassia, che fa nascere nuove ipotesi sulla vita nell'Universo.
leggi
Con i suoi 11,2 miliardi di anni, Kepler-444 è la più antica stella con pianeti orbitanti delle dimensioni della Terra mai scoperta. Si trova a 117 anni luce dal nostro pianeta, nella costellazione della Lira, e prende il nome dal telescopio spaziale Kepler della Nasa, lanciato nel 2009. Le cinque terre di Kepler-444 Questo sistema si è formato in un Universo primordiale, che aveva un quinto dell'età attuale. Il nostro Sistema solare invece è nato appena 4,6 miliardi di anni fa, quando Kepler-444 era già vecchio. Nonostante la differenza di età, i due sistemi presentano numerose analogie, a cominciare dai 5 pianeti rocciosi di Kepler-444, tutti con dimensioni variabili tra quelle di Mercurio e quelle di Venere. Anche le loro orbite sono molto piccole, meno di un quinto di quella di Mercurio.
Una rappresentazione artistica di Kepler-444. I pianeti sono stati rilevati dall’attenuazione di luminosità dovuta ai loro transiti sul disco della stella madre (immagine: Tiago Campante/Peter Devine).
Caccia ai sistemi extrasolari Kepler-444 e i suoi pianeti sono stati descritti in un recente studio pubblicato su The Astrophysical Journal da un team internazionale guidato da ricercatori dell’Università di Birmingham. Per determinare le caratteristiche di Kepler-444 si è fatto ricorso all’astrosismologia, una tecnica che misura la frequenza delle oscillazioni naturali della stella, causate da onde sonore di risonanza intrappolate al suo interno. Queste provocano minuscole variazioni nella luminosità della stella e permettono ai ricercatori di misurarne il diametro, la massa e l’età.

Un video che mostra i cinque pianeti in orbita intorno alla stella Kepler-444 (fonte: YouTube)

La presenza e le dimensioni relative dei pianeti vengono invece rilevate dall’attenuazione dell'intensità della luce ricevuta dalla stella, che si verifica ogni volta che i pianeti transitano davanti al disco stellare.

La vita ha avuto molto più tempo per svilupparsi Tiago Campante, primo autore dello studio, è entusiasta della scoperta: «Ora sappiamo che i pianeti delle dimensioni della Terra si sono formati per la maggior parte dei 13,8 miliardi di anni di vita dell’Universo, un tempo abbastanza lungo da favorire la comparsa della vita in altre epoche e in altre zone della nostra Galassia». Intanto il telescopio spaziale Kepler continua la sua caccia agli esopianeti: un gruppo di astronomi dell'Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics ha stimato dai suoi dati che nella Via Lattea risiedano "almeno 17 miliardi" di esopianeti simili alla Terra. Una gran bella opportunità, per l'evoluzione di esseri viventi.   Immagine banner in evidenza e box in homepage: Tiago Campante/Peter Devine    
Kepler-444
Kepler-444_evidenza
Kepler-444_box

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento