Aula di Scienze

Aula di Scienze

Persone, storie e dati per capire il mondo

Speciali di Scienze
Materie
Biologia
Chimica
Fisica
Matematica
Scienze della Terra
Tecnologia
I blog
Sezioni
Come te lo spiego
Science News
Interviste
Video
Animazioni
Podcast
L'esperto di matematica
L'esperto di fisica
L'esperto di chimica
Chi siamo
Cerca

Marte in salamoia

Nel suolo marziano potrebbe esistere acqua allo stato liquido grazie a particolari sali che la assorbono dall'atmosfera
leggi
Non ci sono dubbi che su Marte ci fosse una certa quantità di acqua allo stato liquido, ma oggi il pianeta è più secco di quanto si possa immaginare. Eppure quel poco di vapore acqueo che è rimasto nella sottilissima atmosfera del Pianeta Rosso, in particolari condizioni, potrebbe accumularsi nel suolo grazie a un sale. Questa la scoperta di un gruppo di geologi appena pubblicata su Nature Geoscience dopo un anno di osservazioni atmosferiche condotte con lo strumento REMS di Curiosity. Ricetta per una salamoia marziana Gli scienziati non hanno osservato direttamente acqua liquida, ma sono riusciti a stabilire che su Marte può esistere la deliquescenza. Si tratta del fenomeno per il  quale, nel giusto intervallo di temperatura e umidità relativa, alcuni sali assorbono dall'atmosfera una quantità di acqua sufficiente a scioglierli, creando una soluzione acquosa detta salamoia. Per un intero anno marziano (corrispondenti a più o meno due anni terrestri) gli scienziati hanno misurato le variazioni di temperatura e umidità all'interno del cratere Gale, luogo di atterraggio di Curiosity. Tutto questo è stato possibile grazie allo strumento REMS (Rover Environmental Monitoring Station): una vera e propria centralina per il monitoraggio ambientale di Marte progettata e costruita in Spagna.
Lo strumento REMS è montato sul supporto che regge le videocamere principali del rover (non visibili nell'immagine) Immagine: NASAJPL-CaltechMSSS - Panorama by Andrew Bodrov
La presenza di sali perclorati era stata invece già accertata in precedenza dai risultati del laboratorio chimico di Curiosity, SAM. E col favore delle tenebre... Secondo i ricercatori nel luogo dove è atterrato Curiosity le condizioni giuste per la deliquescenza si presentano di notte entro i primi 5 cm di terreno, quando l'abbassamento di temperatura della già gelida aria marziana ne aumenta l'umidità relativa. Curiosity si trova però sull'equatore di Marte: a latitudini più alte, ancora più fredde, le condizioni per deliquescenza potrebbero essere meno transitorie. Gli scienziati hanno inoltre stimato che al di sotto dei 15 cm di profondità, dove temperatura e umidità sono molto più costanti, è possibile che i sali perclorati siano perennemente idratati. Il professore di scienze dell'atmosfera Javier Martin-Torres (Luleå University of Technology) ha dichiarato: «Vicino alla superficie le condizioni di Marte sono oggi a malapena favorevoli per la vita microbica come noi la conosciamo, ma la possibilità che si formino salamoie su Marte ha più vaste implicazioni per l'abitabilità e per i processi geologici legati all'acqua». Immagine banner: NASAJPL-CaltechMSSS - Panorama by Andrew Bodrov Immagine box: NASA
pia19164-main_rems_from_pia19142

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento