Aula di Scienze

Aula di Scienze

Persone, storie e dati per capire il mondo

Speciali di Scienze
Materie
Biologia
Chimica
Fisica
Matematica
Scienze della Terra
I blog
Sezioni
Come te lo spiego
Science News
Interviste
Video
Animazioni
L'esperto di matematica
L'esperto di fisica
L'esperto di chimica
Chi siamo
Cerca

Neuroni migratori

I ricercatori hanno scoperto una migrazione di massa finora sconosciuta di neuroni inibitori nella corteccia frontale del nostro cervello nei primi mesi dopo la nascita.
Durante lo sviluppo del cervello, i neuroni migrano dalle sue parti più profonde alla corteccia frontale, sede di importanti funzioni cognitive. Finora si era sempre creduto che questo processo terminasse ben prima della nascita e che in seguito i neuroni si limitassero a maturare, con la formazione di nuove connessioni e la potatura di quelle inutili. A quanto pare, però, non è così. Uno studio pubblicato su Science stravolge questo dogma delle neuroscienze, dimostrando per la prima volta che la migrazione nella corteccia del lobo frontale continua per diverse settimane dopo la nascita.  

Alla ricerca dei neuroni migranti

Studi recenti avevano individuato piccole popolazioni di neuroni immaturi, situati in profondità nella regione frontale del cervello, che dopo la nascita migravano nella corteccia orbitofrontale, una piccola regione della corteccia situata appena sopra gli occhi. Poiché l’intera corteccia frontale subisce una forte espansione dopo la nascita, i ricercatori hanno cercato di scoprire se la migrazione riguardasse anche le altre porzioni.  
La corteccia frontale umana rappresenta circa 1/3 dell'intera superficie cerebrale. La corteccia prefrontale è la sua parte più anteriore e ha estese connessioni con le altre regioni del cervello (Immagine modificata; originale da Cooljargon)  
Il team, composto da neuroscienziati, neurochirurghi e neuropatologi dell’Università della California a San Francisco, ha esaminato i tessuti cerebrali di neonati donati a una banca dei tessuti. I ricercatori hanno utilizzato virus per marcare i neuroni immaturi in campioni prelevati subito dopo la morte dei neonati. Grazie all'imaging a risonanza magnetica (MRI) hanno potuto osservare un lungo arco di neuroni migratori nel lobo frontale, esteso dalle sopracciglia alla parte superiore della testa, che hanno chiamato «Arc», arco.
Imaging a risonanza magnetica (MRI) del cervello di un bambino (Immagine: Wikimedia Commons)  

Lo sviluppo tardivo dei circuiti inibitori

I neuroni Arc migrano nella corteccia frontale entro i primi tre mesi di vita, dove si differenziano in diversi sottotipi di neuroni inibitori. Questi neuroni, che utilizzano il neurotrasmettitore GABA, costituiscono circa il 20 per cento dei neuroni nella corteccia cerebrale e svolgono un ruolo fondamentale nel mediare tra due esigenze: la plasticità del cervello, alla base dell’apprendimento, e la sua stabilità. L’eccitazione e l'inibizione squilibrata, infatti, in particolare nei circuiti del lobo frontale del cervello,  sono stati correlati a vari disordini neurologici, dall’autismo alla schizofrenia, all'epilessia. Questo tardivo sviluppo dei circuiti inibitori, grazie alla migrazione postnatale, non si osserva nei topi e in altri mammiferi. Potrebbe quindi svolgere un ruolo importante nell'acquisizione delle capacità cognitive uniche della nostra specie. La tempistica coincide infatti con la comparsa di funzioni cognitive più complesse nei neonati. Come rovescio della medaglia, potrebbe anche essere implicato nello sviluppo di malattie neurologiche, un aspetto che i ricercatori cercheranno di chiarire con ulteriori indagini.   _____ Immagine banner in evidenza: Flickr Immagine box in homepage: Pexels
Happy Birthday baby!
baby-box
corteccia
atrt-mri
Corteccia

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento