Aula di Scienze

Aula di Scienze

Persone, storie e dati per capire il mondo

Speciali di Scienze
Materie
Biologia
Chimica
Fisica
Matematica
Scienze della Terra
I blog
Sezioni
Come te lo spiego
Science News
Interviste
Video
Animazioni
L'esperto di matematica
L'esperto di fisica
L'esperto di chimica
Chi siamo
Cerca

Quando i mondi si scontrano

Secondo una nuova ricerca lo scontro tra pianeti avrebbe dato origine alla Luna è stato più violento di quanto si pensasse.
Andiamo a caccia di pianeti extrasolari, ma il pianeta su cui abitiamo deve ancora finire di sorprenderci. Come si è formata la Terra? E la Luna? L'ipotesi più accreditata sembra uscita da un romanzo di fantascienza: circa 4 miliardi e mezzo di anni fa due pianeti, ancora in via di formazione, si sono scontrati tra loro, e secondo una nuova ricerca questo scontro è stato ancor più violento di quanto pensavamo.  

Da Theia a Selene

Uno dei pianeti era la Terra, l'altro è stato battezzato Theia e aveva le dimensioni di Marte. Il materiale eiettato da questo scontro avrebbe poi formato la Luna (infatti Theia nel mito greco è la madre di Selene, la dea della Luna). Gli astronomi pensano che durante la formazione del Sistema solare ci siano stati altri impatti di questo tipo, ma quello che tra la Terra e Theia è stato probabilmente l'ultimo e spiegherebbe molte delle caratteristiche della nostra Luna. Ma di preciso come è avvenuto questo impatto? Secondo una ricerca del 2014 gli isotopi dell'ossigeno presenti nelle rocce lunari erano in un rapporto diverso rispetto a quelle terrestri. Questo indicherebbe che più che uno scontro si è trattato di un colpo di striscio: Theia ha sfiorato la Terra in formazione e in questo modo da Theia è stato strappato il materiale che, entrato in orbita intorno al nostro pianeta, ha dato origine alla Luna.  

Scontro frontale

A fine gennaio la rivista Science ha pubblicato una nuova ricerca che contesta questa conclusione. Un gruppo di ricercatori guidato dal professor Edward D. Young (University of California, Los Angeles) ha utilizzato un avanzatissimo spettrometro di massa per analizzare in dettaglio la composizione delle rocce lunari e di quelle terrestri. In tutto sono state esaminate 7 rocce lunari provenienti dalle missioni apollo e sei rocce vulcaniche terrestri rappresentative del mantello, cinque provenienti dalle Hawaii e una dall'Arizona. Secondo questi scienziati il rapporto tra gli isotopi dell'ossigeno in queste rocce è praticamente lo stesso: questo significa che lo scontro è stato talmente violento che il materiale di Theia è entrato a far parte della Terra e della stessa pasta era anche il materiale entrato in orbita che ha poi formato la nostra Luna. Nelle parole del professor Young: «Theia si è profondamente mischiata sia nella Terra che nella Luna, e si è dispersa equamente tra loro. Questo spiega perché non vediamo differenze tra le tracce di Theia nella Luna rispetto a quelle nella Terra».  

Immagine in apertura: By NASA / Bill Anders [Public domain], via Wikimedia Commons

Immagine box: By NASA/JPL-Caltech [Public domain], via Wikimedia Commons

NASA-Apollo8-Dec24-Earthrise
Artist's_concept_of_collision_at_HD_172555

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento