Aula di Scienze

Aula di Scienze

Persone, storie e dati per capire il mondo

Speciali di Scienze
Materie
Biologia
Chimica
Fisica
Matematica
Scienze della Terra
I blog
Sezioni
Come te lo spiego
Science News
Interviste
Video
Animazioni
L'esperto di matematica
L'esperto di fisica
L'esperto di chimica
Chi siamo
Cerca

Yoghi e Bubu sbranano le alci

Secondo uno studio recente gli orsi dello storico parco nazionale di Yellowstone, negli Stati Uniti, stanno passando da una dieta a base di pesce a una a base di cuccioli di alce.

Secondo uno studio pubblicato in questi giorni su Proceedings of the Royal Society B, gli orsi dello storico parco nazionale di Yellowstone, negli Stati Uniti, stanno passando da una dieta a base di pesce a una a base di cuccioli di alce. A monte di questa nuova iniziativa dietetica ci sarebbe l’introduzione nel parco di una carpa non autoctona.

Yoghi e Bubu, cartoni animati storici di Hanna-Barbera, vagavano nel parco di Yellowstone sempre in cerca di qualcosa di buono da mangiare o rubare. Si trattava soprattutto di cestini da pic-nic dei campeggiatori. Niente potrebbe essere più lontano da una realtà ben più cruenta. Il pasto più naturale per gli orsi di Yellowstone sono le carpe fario (Oncorhynchus clarkii), chiamate proprio carpe fario di Yellowstone, della famiglia dei salmonidi.

Una alternativa alla carpa

Purtroppo questi pesci sono quasi scomparsi nel parco, a causa di una competizione sfavorevole per lo stesso habitat con una specie introdotta dai pescatori negli anni Ottanta e non autoctona. Mentre le carpe fario depongono le uova in acque superficiali, e questo è il momento nel quale i grizzly le cacciano, la nuova specie introdotta ha abitudini riproduttive diverse. Depongono le uova in profondità, così Yoghi ha dovuto presto trovare una alternativa altrettanto efficace dal punto di vista proteico, ma anche più cruenta: cacciare i piccoli di alce (vedi foto qui sotto).

Un orso a caccia nel parco di Yellowstone. (Immagine: Science - Bruce H. Oakley)

Alci decimate
Non sappiamo quale sia stato il primo orso a trovare in questa nuova iniziativa dietetica una soluzione più che soddisfacente, come nel caso della scimmia Imo che per prima ha immerso la patata in mare e l’ha resa salata e più gustosa, ma a quanto pare la tendenza sta dilagando. Infatti, secondo lo studio pubblicato in questi giorni su Proceedings of the Royal Society B, i ricercatori hanno rilevato che il cambio di dieta degli orsi sia un fattore importante nel declino della popolazione delle alci. Secondo i calcoli degli studiosi il nuovo comportamento alimentare sta riducendo il numero di alci che raggiungono la maturità dal 4 al 16% e il numero della popolazione totale fino all’11%.

Al lupo al lupo
Come in altri casi, all’inizio si era pensato che il calo del numero di alci fosse causato dai lupi, che sono stati reintrodotti nel parco di Yellowstone a partire dal 1995, ma si è visto che questi non potrebbero dare un impatto così rilevante sul numero di alci. A ben vedere, come commenta Virginia Morell su Science, i veri “lupi” in questo caso sono gli uomini, colpevoli di aver introdotto un specie di carpa estranea all’habitat naturale del parco, creando uno squilibrio nell’ecosistema ora molto lento da invertire.

Devi completare il CAPTCHA per poter pubblicare il tuo commento