Intervista a Sergio Bertolucci – quarta parte

Quali sono le sfide che attendono i fisici delle particelle dopo la scoperta del bosone di Higgs? Verso quali orizzonti si sta muovendo la ricerca al Cern di Ginevra? E per quale ragione è così importante continuare a supportare quello che oggi è il più grande complesso di laboratori scientifici al mondo?
Di questo, e molto altro ancora, abbiamo parlato con sergio Bertolucci, Direttore della Ricerca e del Scientific Computing del Cern.

A partire dal 1954, quando è stato fondato con 12 stati membri sotto l’egida dell’Unesco, il Cern di strada ne ha fatta. I confini geografici del consiglio di ricerca si sono allargati a tal punto che, scherzando, i fisici dicono che «la “e” di Cern non sta più per “europeo”, ma per “everywhere”».
Oggi gli stati membri sono 21, e il numero di quelli associati, come il Brasile, la Serbia, la Russia e l’India, solo per citarne alcuni, è in continua crescita. Questo fa sì che nei laboratori di Ginevra convivano migliaia di persone provenienti da tutto il mondo, e vi confluiscano culture e credi religiosi tra i più diversi. Così, grazie al linguaggio universale della scienza, oggi il Cern rappresenta forse uno degli esempi di collaborazione internazionale più riusciti che l’uomo abbia mai realizzato.

Prosegui la lettura

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *